ricette-estive-thumb

I sapori autentici della Puglia e le ricette della tradizione

L’arrivo dell’estate significa una sola cosa in Puglia: tanti nuovi e gustosi frutti della terra, tutti da assaporare e degustare in pietanze diverse e ricette nostrane tramandate nel corso degli anni di generazione in generazione.

Prodotti dal gusto unico e ricercato, ingredienti biologici e a km 0, capaci di insaporire le differenti portate che ogni giorno Masseria Il Frantoio serve sulla tavola dei suoi ospiti. Il rispetto per le materie prime locali e una genuina semplicità nella preparazione di questi piatti, sono il vero segreto del Ristorante Il Frantoio. Aromi e sapori diversi che rivelano tutta l’autenticità della cucina pugliese e di un territorio che ha molto da offrire e che noi vi proponiamo in queste 5 esclusive ricette della nostra masseria pugliese.

shutterstock_116671138

1. Insalata porcellana

La “portulaca” o insalata porcellana, che nel territorio nei pressi di Ostuni viene poco elegantemente chiamata “la perchiazz’” è una verdura croccante, carnosa dalle numerose proprietà diuretiche e dissetanti. Un’erba spontanea che può essere consumata da sola o servita in insalate miste. Un gusto molto gradevole accompagnato dalla presenza di numerose vitamine, proteine e sali minerali dalle molteplici proprietà benefiche. Ciò che rende davvero unico questo vegetale è la volubilità del suo gusto che può variare in base alle fasi della giornata in cui l’insalata viene raccolta: un sapore molto più acidulo al mattino per via dell’anidride carbonica assorbita durante tutta la notte. Noi la inseriamo nell’insalata di contorno, servita con pomodori regina (Presidio Slow Food) o il barattiere detto anche “carosello”, per una pietanza fresca e nutriente perfetta per l’estate.

parmigiana

2. Melanzane bianche

Le melanzane bianche sono una vera e propria “chicca” del nostro orto. Presentano meno semi e meno acqua al loro interno, mentre la nota tipicamente amara rilasciata dalla buccia della melanzana classica lascia il posto ad un gusto molto più dolce e delicato. Ottime per chi soffre di disturbi di colesterolo e per prevenire l’invecchiamento cellulare grazie alla presenza degli antiossidanti. Le nostre cuoche la utilizzano in diverse ricette, ma il must del Ristorante Il Frantoio è sicuramente la “parmigiana” preparata secondo la ricetta tipica della tradizione pugliese.

_Le-coltivazioni-(28)

3. Pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto

Il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto (tra Carovigno e Brindisi), rappresenta un vero gioiello per la storia gastronomica di queste terre. Un pomodoro capace di conservare a lungo tutte le qualità organolettiche che lo caratterizzano e lo rendono famoso in tutta la Puglia e non solo. Noi del Frantoio lo utilizziamo in mille modi diversi, ma soprattutto come sughetto delle nostre speciali “pizzelle” di benvenuto. Una vera gioia per il palato dei nostri ospiti che non si stancano mai di riprovare!

fiore feijoa

4. Fiore della Feijoa

Questa pianta esotica dai frutti dolci e il profumo intenso, fiorisce tra il mese di maggio e giugno. Solo per 20 giorni l’anno i nostri ospiti possono godere dei suoi petali bianchi in accompagnamento al dessert. I fiori bianchi con stami rosso-violetto, sono vistosi e commestibili. I petali infatti hanno un sapore dolcissimo e croccante perfetto per le insalate o abbinato ai dolci della casa.  Una delizia che si scioglie in bocca dal gusto sorprendente.

melanzane bianche

5. Pasta alla contadina

Si tratta di una pasta al forno con ragù di melanzane, un piatto semplice della cucina povera ma che trova nella sua semplicità tutta la sua essenza. Secondo la tradizione era il piatto preferito dai contadini che, dopo una dura giornata di lavoro nei campi, potevano placare la loro fame godendo di tutti gli apporti nutrizionali di questo primo piatto dal gusto eccezionale. Per voi la ricetta originale fornita direttamente dalle cuoche della masseria Il Frantoio:

INGREDIENTI

  • 2  kg.  di pasta grossa spezzata
  • 4  belle melanzane
  • 1 bottiglia di passata di pomodoro
  • 250 gr. di polpa di pomodoro
  • origano a piacere
  • 1 scamorza fresca
  • pecorino grattugiato 50 gr.
  • parmigiano grattugiato 50 gr.
  • 1 cipolla di media grandezza
  • 1 spicchio di aglio
  • sale e pepe.

PREPARAZIONE

Tagliare l’aglio in piccolissimi pezzi e  tritare finemente anche la cipolla. In una larga casseruola versare l’olio e dopo averlo scaldato un po’ aggiungere il trito aromatico. Lasciare profumare l’olio e le melanzane, ridotte in cubetti non troppo piccoli. Quando le melanzane avranno assorbito l’olio, aggiungere poco alla volta il pomodoro, salare e pepare.

Lasciare cuocere per un’oretta circa a fiamma dolcissima e con uno  spargifiamma. Lessare la pasta e dopo averla scolata, passarla  in una capiente coppa  dove condirete con filo d’olio i formaggi grattugiati  l’origano e parte del ragout preparato. Aggiungere infine i pezzetti di scamorza.

Condire col restante sugo e infornare a 200° per un quarto d’ora circa.

N.B. La pasta deve essere molto al dente altrimenti tende a scuocere. Buon appetito!